Efficacia clinica dell’agopuntura nel Morbo di Parkinson: una review sistematica e metanalisi secondo il PRISMA Statement.

Premesse
Il Morbo di Parkinson è al secondo posto tra le più comuni malattie neurodegenerative croniche e progressive. L’utilizzo a lungo termine della levodopa porta ad una perdita di efficacia e a complicanze. Pertanto, molti pazienti con malattia di Parkinson si sono rivolti a terapie complementari per alleviare i loro sintomi. L’agopuntura è la terapia complementare più comunemente usata nei pazienti con malattia di Parkinson. Questo articolo presenta una revisione sistematica e una meta-analisi degli effetti dell’agopuntura nei pazienti con malattia di Parkinson. Questo studio è stato eseguito per riassumere e valutare i dati che riguardano l’efficacia dell’agopuntura nel trattare i sintomi di questa patologia.

Metodi
E’ stata portata a termine una ricerca in sette databases (MEDLINE, EMBASE, Cochrane Library, China National Knowledge Infrastructure [CNKI], e tre databases medici coreani), dal loro inizio fino all’agosto 2015, senza restrizione di lingua. Sono stati inclusi i trials randomizzati e controllati (RCT) in cui l’agopuntura fosse confrontata con la non-terapia e con la sola terapia convenzionale oppure l’agopuntura più la terapia convenzionale fossero confrontati con la terapia convenzionale da sola, per il trattamento dei sintomi del Morbo di Parkinson. Le valutazioni si sono basate sull’UPDRS (Unified Parkinson’s Disease Rating Scale) nelle sue parti I, II, III, IV e sullo score totale, sulla scala Webster e sulla valutazione dell’efficacia. La qualità metodologica è stata valutata utilizzando la scala Physiotherapy Evidence Database (PEDro) e il Cochrane risk of bias (ROB).

Risultati
Sono stati rilevati 982 articoli potenzialmente rilevanti; 25 RCT rispondevano ai nostri criteri di inclusione; 19 dei 25 RCTs erano studi di alta qualità (es: score di 6 o più). Gli RCT inclusi hanno mostrato risultati favorevoli per l’agopuntura più il trattamento convenzionale rispetto al trattamento convenzionale da solo nella UPDRS II, III, e IV e nel punteggio totale. L’agopuntura è stata efficace nell’alleviare i sintomi rispetto al non trattamento ed al trattamento convenzionale da solo, mentre l’agopuntura più il trattamento convenzionale hanno avuto un effetto più significativo rispetto al trattamento convenzionale da solo.

Conclusioni
Abbiamo eseguito una revisione sistematica ed una meta-analisi per valutare l’utilizzo dell’agopuntura per il sollievo dei sintomi del Morbo di Parkinson e abbiamo scoperto che l’agopuntura ha effetti positivi significativi. L’agopuntura può essere considerata un trattamento da associare al trattamento convenzionale nei pazienti affetti da Morbo di Parkinson. Devono comunque essere eseguiti ulteriori studi su questo argomento, secondo rigorosi disegni metodologici, sia in Oriente che in Occidente.

Lee SH, Lim S. Clinical effectiveness of acupuncture on Parkinson disease: A PRISMA-compliant systematic review and meta-analysis. Medicine (Baltimore). 2017 Jan;96(3):e5836. doi: 10.1097/MD.05836.

Laura Moraglio – FISA